Detersione del viso: una buona base per un buon make up

Molto spesso, si pensa che basti un trucco ben eseguito per valorizzare il volto e renderlo disteso e luminoso. Questa concezione, però, è totalmente erronea: ogni trattamento di bellezza inizia e termina con la detersione del viso.

Questa è spesso sottovalutata e ridotta a veloci gesti meccanici, eseguiti appena svegli o poco prima di coricarsi. Tuttavia, basta pensare che noi abitiamo la nostra pelle e che il volto è il nostro biglietto da visita, per capire quanto sia importante imparare a prendersene cura con piccoli e costanti riti quotidiani, eseguendo una corretta detersione del viso.

Il viso è continuamente esposto a fattori esterni che possono causare colorito spento, impurità, disidratazione e invecchiamento precoce.

La detersione deve quindi diventare un rituale, che ci aiuti a rilassarci e a liberare l’epidermide dalle impurità, preparando la pelle a ricevere i trattamenti successivi: solo su una cute pulita, tonificata e libera dalle cellule morte, infatti, i principi attivi contenuti nelle creme possono penetrare in profondità ed espletare al meglio la loro azione idratante, nutriente o anti-rughe.

Al mattino, una buona pulizia del viso serve a “risvegliare” la pelle, liberandola dai residui della crema da notte e dalle cellule morte, donandole freschezza ed energia.

Se vi state chiedendo come detergere il viso, sappiate che un semplice risciacquo con acqua non basta: è indispensabile utilizzare un detergente da massaggiare su viso e collo, eseguendo delicati movimenti circolari, per poi procedere al risciacquo.

Di sera, questa operazione diventa ancora più preziosa, per restituire al viso luminosità e confort, liberandolo dalla stanchezza giornaliera e dal make up.

Ciascuno di noi, però, ha bisogno di prodotti specifici, che tengano conto della tipologia di pelle e delle preferenze in merito alle modalità d’applicazione:

  • la mousse micellare dalla texture in spuma è indicata per pelli delicate e secche;
  • il detergente granulare è più adatto alle pelli inspessite;
  • il lattegel sensoriale è pensato per pelli secche;
  • lo stick detergente al carbone attivo è consigliato per pelli grasse o acneiche.

Ovviamente, per gli occhi, consiglio sempre uno struccante bifasico, da agitare sempre prima dell’uso, in grado di asportare residui resistenti all’acqua e ai prodotti viso più decisi, come i lip lacquer.

Per rifinire la detersione ed eliminare qualsiasi traccia di untuosità, inoltre, va sempre utilizzato un tonico a base di acido ialuronico ed erba cristallina.

Per struccarsi, quindi, partiremo dagli occhi, utilizzando delle faldine di cotone ben imbevute del bifasico, effettuando movimenti dall’alto verso il basso, così da seguire la curva delle ciglia, mai a zig zag altrimenti le ciglia si spezzano! Dopodiché, rimuoveremo il rossetto.

Se sono presenti peletti incarniti sotto l’arcata delle sopracciglia o fastidiose pellicine sulle labbra, ovvero le lamelle cornee, eseguiremo un leggero scrub con il gel granulare.

Tenendo conto della tipologia della pelle, quindi, procederemo con il detergente viso, attraverso movimenti espulsivi con delle spugnette oppure con la Pop brush in silicone, dal duplice utilizzo: grazie alla sua vibrazione, consente l’ossigenazione della pelle, creando una leggera iperemia del tessuto, ossia un leggero arrossamento; inoltre, favorisce un maggior assorbimento dei principi attivi sia dei detergenti che della crema.

In particolare, la Pop brush svolge un’azione idrofila per la crema giorno, mantenendo costante il fattore di idratazione naturale (MNF) e proteggendo dalle radiazioni solari (UVA/UVB), e un’azione lipofila per la crema notte, apportando il giusto nutrimento durante le ore notturne, in cui la pelle riposa e ha più tempo per poter ricevere i principi attivi.

A questo punto, passiamo a definire la detersione con il tonico spray, che può essere utilizzato anche come fissatore post trucco, applicheremo poi il primer e procederemo col trucco.

Per le labbra, consiglio sempre l’utilizzo del balm dalla formula emolliente e lenitiva, che previene ed attenua le screpolature: grazie all’olio di mandorle dolci, assicura un’azione protettiva contro gli agenti atmosferici, mentre il burro di Karitè e le sfere di collage marino conferiscono alle labbra un aspetto turgido e morbido, riempiendone le microrughe e aumentandone il volume.

Inoltre, la cura quotidiana della pelle deve comunque accompagnarsi a trattamenti di pulizia del viso a casa o a trattementi di pulizia del viso dall’estetista o effettuati da professionisti del settore, almeno ogni 6 settimane circa, per una pulizia più profonda e realizzata con attrezzature adeguate e prodotti professionali.

Per maggiori informazioni sulla detersione e su come pulire il viso in modo corretto per ottenere una base trucco ideale, cliccate sul link.

Related posts

One thought on “Detersione del viso: una buona base per un buon make up

  1. Grazie Paola, fammi sapere come vengono!generic cialis

Rispondi