Fragole: un falso frutto ricco di proprietà

fragole usi e benefici

La leggenda vuole che siano nate dalle lacrime di Venere, dea dell’amore, versate sulla tomba di Adone, suo innamorato, e di quella passione rimase un frutto dalla forma e dal colore del cuore. Col passare del tempo e delle tradizioni, le fragole sono state protagoniste indiscusse di ricette, rimedi, perfino di memorabili scene di film famosi e testi di canzoni che hanno cambiato la storia della musica.

Origini

Le fragole nascono spontaneamente nei boschi europei, così come in quelli dell’ America centrale, in zone favorite da clima temperato. Quelle che consumiamo derivano da una serie successiva di ibridazioni, le prime realizzate alla fine del ‘700 dal botanico Antoine Nicolas Duchesne attraverso l’innesto di due diversi tipi di fragole (di cui una proveniente dall’America centrale). Grazie a sistemi di coltivazione in serra e l’uso di pannelli riscaldati, il frutto trovò presto un habitat ideale per crescere tutto l’anno e in grandi quantità. Nell’800, iniziò la coltivazione estensiva che renderà le fragole  facilmente reperibili in tutti i mercati d’Europa.

La Pianta

Fragaria vesca,  famiglia delle Rosaceae, è una pianta erbacea perenne dalle foglie tonde e dentellate raccolte in mazzetti in basso. I fiori sono piccoli e bianchi, vengono prodotti da aprile a settembre in concomitanza con le fragole che nascono su lunghi steli. Dal punto di vista botanico, sono definite un falso frutto, in quanto sono la parte ingrossata dell’infiorescenza che contiene, sulla superficie esterna, i semini gialli, cioè i veri frutti della pianta.

Proprietà nutrizionali

100 gr. di fragole corrispondono a 27 kcal e contengono:

·         Proteine 0.9 gr.
·         Lipidi 0.4 gr.
·         Carboidrati 5.3 gr.
·         Zuccheri solubili 5.3 gr.
·         Fibra totale 1.6 gr.
·         Sodio 2 mg.
·         Potassio 160 mg.
·         Ferro 0.8 mg.
·         Calcio 35 mg.
·         Fosforo 28 mg.
·         Vitamina C 54 mg.

Proprietà benefiche

  1. Le fragole sono sinonimo di antiossidante, determinato dall’alto livello di vitamina C che contengono;
  2. con il semplice consumo quotidiano, dopo una settimana è possibile riscontrare immediati benefici sul buon funzionamento del sistema immunitario;
  3. la vitamina C stimola la produzione di collagene che determina l’elasticità dei tessuti e previene l’insorgere delle rughe;
  4. ritarda la formazione della cataratta e protegge cornea e retina dall’invecchiamento e dai danni provocati dai raggi UV;
  5. la vitamina C favorisce l’assorbimento del ferro;
  6. un altro fattore antiossidante importante è l’acido ellagico che insieme ai flavonoidi (antocianine) è ottimo alleato per la salute di cuore e arterie contrastando la formazione del colesterolo cattivo (LDL);
  7. l’alto potere antiinfiammatorio previene e contrasta i dolori articolari e l’artrite;
  8. la salute del cuore è garantita dal potassio che regola la pressione del sangue;
  9. l’alto livello di fibre favorisce la digestione e previene la stipsi;
  10. le fragole hanno un basso contenuto di zuccheri e contengono molta acqua, per cui sono ideali per una dieta ipocalorica e per perdere peso: stimolano il metabolismo e riducono il senso di fame mantenendo costante il livello di zuccheri nel sangue.

Controndicazioni

Le fragole sono catalogate come alimenti istamino-liberatori, cioè che possono facilmente provocare reazioni allergiche soprattutto a livello cutaneo (orticaria).

Usi per il corpo

Le fragole sono un ottimo alleato per la salute di pelle e capelli. Protagonista indiscussa è la vitamina C: maschere, lozioni o creme sono impareggiabili antiossidanti per contrastare i danni provocati da agenti atmosferici, dal sole, o dall’invecchiamento e rendono la pelle tonica e sana. Gli acidi alfa idrossidi determinano il rinnovamento della pelle contro gli effetti prodotti da acne, brufoli, e contro l’insorgere delle prime rughe. Le antocianine (pigmenti che determinano il colore rosso del frutto) proteggono la pelle dall’azione prodotta dai raggi UV. L’olio di semi di fragola, per il suo alto valore emolliente e rigenerante, è particolarmente indicato per la pelle sensibile e screpolata; può essere usato per rendere morbidi e lucenti i capelli ed è ottimo per combattere la forfora. Miscelando ingredienti naturali come olio di oliva, miele o caffè è possibile preparare in casa maschere e tonici per sfruttare al meglio le proprietà del frutto. Un paio di rondelle di fragola sono sufficienti per lenire borse e sgonfiare gli occhi.

Usi in cucina

Le fragole sono apprezzate e gradite sia dai grandi che dai bambini. Sono ottime al naturale consumate a colazione, a fine pasto o semplicemente come “spezza fame”. Sono divine se accompagnate con limone, zucchero, yogurt, vino, panna, gelato, cioccolato, aceto balsamico. Il colore vermiglio e il sapore dolce e particolare le rende adatte per realizzare una quantità quasi infinita di ricette dolci e salate tanto da poter stilare interi menu.

Dove acquistarle e costi

Le fragole si possono acquistare al supermercato, dal fruttivendolo, al mercato, nei negozi biologici che propongono prodotti freschi. La coltivazione in serra determina una facile reperibilità del prodotto tutto l’anno, ma è consigliato consumarle durante la loro stagione (da aprile ad agosto) per avere un prodotto dal sapore ottimo e che conserva tutte le proprietà. Prima dell’acquisto è necessario verificare la provenienza: è preferibile scegliere prodotti nostrani e biologici. Le fragole  non devono avere parti bianche o verdi, ma un omogeneo color vermiglio, e devono essere prive di ammaccature o parti molli. Il prezzo può variare in base alla distribuzione e all’origine biologica: mediamente un kg costa 4€. Le fragole si conservano in frigorifero per un periodo massimo di due/tre giorni.

Curiosità

Le fragole erano una passione irresistibile per Luigi XIV, tanto da farle coltivare nei giardini di Versailles. Durante gli sfarzosi banchetti a corte, le dame erano solite consumarle con zucchero e panna esplicitando gesti di seduzione, mentre gli uomini le gustavano col vino. Il Re Sole ne consumava in grandi quantità, nonostante le raccomandazioni del medico di evitarne l’abuso.

A cura di Laura Gaetano         

Related posts

Rispondi