Mela, tra benefici e malefici

la mela cosa contiene?

La mela, appartiene alla famiglia delle Rosaceae, è un falso frutto ed è originaria dell’Asia centrale. Un noto detto recita:”una mela al giorno, leva il medico di torno”, infatti, numerosi studi scientifici hanno riscontrato, in questo frutto, proprietà benefiche per la nostra salute, ed è per questo che viene considerata un vero e proprio salvavita. Esistono all’incirca 2000 mila varietà di mela, ma quelle più comuni sono: Annurca, Golden, Renetta, Royal ecc ecc. E’ un frutto facilmente reperibile, si trova infatti in ogni stagione dell’anno, ma la sua maturazione va da agosto fino ad ottobre per poi essere raccolto e conservato a basse temperature e ad atmosfera conservata. E’ un ottimo  spezzafame, con un basso apporto calorico, circa 52 kcal per 100 gr di prodotto, può essere consumato sia dopo il pasto che come spuntino, è ricco di fibre e non contiene glutine.

Si compone di:

  • 83% di acqua
  • 7 al 14% di zuccheri semplici, fonte immediata di energia

Contiene inoltre:

  • cinque potentissimi antiossidanti, validi contro i radicali liberi;
  • flavonoidi e polifenoli utili per contrastare le malattie cardiache;
  • pectina, per eliminare le sostanze tossiche dall’organismo, e per ridurre la glicemia nei soggetti diabetici;
  • Vit. C, che svolge una funzione protettiva nei confronti del sistema immunitario;
  • fitonutrienti, che sono in grado di prevenire le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Oltre alle proprietà benefiche, la mela è anche un potente veleno, più precisamente, i semi in essa presente, contengono quantità elevate di cianuro, quindi per evitare intossicazioni e mal di pancia, sopratutto nei bambini è bene educarli fin da piccoli a non ingerirli.

Le mele, sono in grado di stimolare la maturazione dei frutti climanterici ossia quei frutti che maturano anche in seguito alla raccolta,  producendo,infatti, un elevato quantitativo di etilene, basterà aggiungerle accanto a dei frutti  acerbi per completarne la maturazione.

Per non far annerire la mela, è opportuno sbucciarla e consumarla immediatamente, oppure sbucciarla e coprirla con succo di limone, una valida alternativa può essere anche una soluzione di acqua con due cucchiai di miele; in questo modo, le mele non si ossideranno e potranno essere conservate per molte ore.

 

Related posts

Rispondi