I semi di chia, benefici ed usi

Semi di chia benefici e usi

La chia, Salvia hispanica, è una specie vegetale molto diffusa in Centro e Sud America dalle sorprendenti proprietà nutrizionali.

Proprietà nutritive

I semi contengono, infatti, acidi grassi essenziali omega3 per il 20% del loro peso, 15 volte più magnesio rispetto ai broccoli, 7 volte più vitamina C rispetto alle arance, 5 volte più ferro rispetto agli spinaci, 5 volte più calcio rispetto al latte e 2 volte più potassio rispetto alle banane, senza sottovalutare la presenza di altri importanti minerali.

Proprietà benefiche

Peculiarità dei semi di chia è che ogni singola unità contiene tutti gli amminoacidi essenziali, ossia i componenti delle proteine che il corpo umano deve assumere attraverso gli alimenti; le proteine contenute sono scarsamente digeribili, ma basta assumere la farina anziché i semi interi per ovviare alla difficoltà di assorbimento.

Numerosi sono, quindi, i benefici che apportano alla nostra salute, seppur debbano essere assunti con moderazione:

– contribuiscono alla regolazione della pressione sanguigna nei soggetti che soffrono di ipertensione;

– aiutano il corretto funzionamento intestinale;

– sono fonte di antiossidanti;

– svolgono un’azione di controllo del livello degli zuccheri nel sangue, sono adatti a chi soffre di diabete o colesterolo, contribuiscono ad arginare l’aumento di peso, forniscono energia;

– non contengono glutine.

Utilizzi in cucina e dosi consigliate

Dunque, è bene assumere una piccola quantità di semi quotidianamente, ma come utilizzarli in cucina?

I semi di chia, molto piccoli, croccanti e dal sapore non ben definito, possono essere assunti crudi nella dose di uno o due cucchiai al giorno, possono accompagnarsi al muesli oppure essere impiegati per condire insalate, pasta, risotti, legumi e tanti altri cereali. Arricchiscono frullati di verdura o frutta, macedonie e spesso vengono utilizzati nella preparazione di pane, dolci e biscotti, mescolati alla farina, oppure come decorazione di tartine,…

Ma dove acquistarli?

È possibile acquistarli nelle erboristerie, nei negozi di prodotti biologici  ma anche online ed è utile sapere che in un contenitore ben chiuso possono essere conservati anche per anni in dispensa.

Related posts

Rispondi